Prosegue l’impegno del Consorzio nella lotta alle dipendenze patologiche. La cura dell’ambiente sposa il reinserimento sociale e lavorativo

Prosegue l’impegno del Consorzio nella lotta alle dipendenze patologiche. La cura dell’ambiente sposa il reinserimento sociale e lavorativo

Tutela del territorio, prevenzione del dissesto idrogeologico, manutenzione dei siti archeologici e museali ed ora anche accompagnamento nei luoghi della cultura di Ancona riaperti al pubblico, come la chiesa di San Gregorio Illuminatore. Sono queste le attività di recupero e reinserimento dei giovani con dipendenze patologiche previste dal programma di interventi ergoterapici a favore di tossicodipendenti in trattamento nelle strutture residenziali e semiresidenziali delle Marche.

Un progetto di successo che ha coinvolto finora oltre 120 giovani, frutto della collaborazione con il Consorzio di Bonifica delle Marche e il MIBACT Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio delle Marche, che la Regione amplia e finanzia con oltre 1,4 milioni di euro per il periodo 2019-2020.

Sono note le proprietà terapeutiche e riabilitanti del lavoro per i soggetti svantaggiati, in particolare di persone con dipendenze patologiche. I programmi di trattamento ergoterapici, fondati su tirocini terapeutici lavorativi assistiti da tutor, hanno infatti mostrato negli anni molta efficacia, soprattutto se applicata a settori di utilità sociale.

Dal 2015 la Regione ha avviato collaborazioni con il Consorzio di Bonifica delle Marche e con il MIBACT –  Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio delle Marche, per realizzare progetti di trattamento, recupero ed inclusione sociale di soggetti con dipendenze patologiche da parte degli enti accreditati iscritti nel relativo Albo regionale. In particolare i giovani, dopo un percorso di formazione, sono stati impiegati nella tutela del territorio (campi agricoli, laghi, dighe) e manutenzione dei fossi agricoli e stradali per la prevenzione del dissesto idrogeologico, grazie all’accordo con il Consorzio di bonifica delle Marche; alla pulizia e manutenzione dei siti archeologici, secondo un protocollo di collaborazione con la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio delle Marche. Nei giorni scorsi è stato sottoscritto anche un protocollo di collaborazione con il MIBACT, Polo museale delle Marche, di durata biennale, specifico per Ancona, che vedrà l’impegno degli  utenti tossicodipendenti in trattamento residenziale, coordinati dai rispettivi enti accreditati, per favorire l’integrità e la conservazione dell’area verde adiacente al Palazzo Ferretti di Ancona  attraverso lavori di manutenzione ordinaria e di pulizia per assicurare e mantenere condizioni di decoro ambientale e fruibilità.

Le attività saranno realizzate con il costante monitoraggio dei tutor del Consorzio di Bonifica, della Soprintendenza e del Polo museale delle Marche. Tutti i giovani coinvolti, oltre ai dispositivi di protezione individuale, riceveranno un contributo economico riconosciuto nell’ambito dei tirocini terapeutici e di inclusione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi