Caldo torrido: i bacini tengono, ma il Consorzio invita ad usare l’acqua con oculatezza.

Caldo torrido: i bacini tengono, ma il Consorzio invita ad usare l’acqua con oculatezza.

Il caldo torrido di questi giorni ha fatto impennare i consumi d’acqua ed energia (per il raffrescamento). Al Nord i grandi bacini hanno subito una repentina discesa dei livelli, nelle Marche il sistema idrico ancora tiene, garantendo la distribuzione di acqua per uso umano ed agricolo, ma il perdurare del caldo impone cautela nei consumi.

«I nostri invasi hanno acqua sufficiente per passare questo periodo di caldo africano in relativa tranquillità – afferma il presidente del Consorzio di Bonifica, Claudio Netti –. Al momento la diga di Mercatale contiene 4.45 milioni m3 d’acqua (su 6), mentre Castreccioni ne ha 33.75 milioni m3, sotto media, ma non in modo preoccupante. Non destano eccessiva preoccupazione neanche le dighe di San Ruffino (2.41 milioni m3), Comunanza (9.46 milioni m3) e Rio Canale: (0.801 milioni m3). Tuttavia è doveroso invitare i nostri utenti ad utilizzare l’acqua con cautela. Per questo ci sentiamo di dare alcuni piccoli consigli per evitare sprechi e dispersioni».

Tra le buone pratiche che il Consorzio invita a rispettare, c’è quella di innaffiare di notte le colture a pieno campo (mais, erba medica ecc.). Questo permette all’acqua irrigata di essere completamente assorbita dalla pianta, mentre con l’irrigazione diurna andrebbe in gran parte dispersa con l’evaporazione causata dalle temperature eccessive e dall’irraggiamento solare. Consiglio questo, che andrebbe rispettato anche da chi ha piccoli orti e giardini. I proprietari dei frutteti dovrebbero convertire il proprio sistema di irrigazione con uno a goccia, estremamente più efficace ed economico. Una scelta che è stata sposata da diverse aziende locali e che, a fronte di investimenti iniziali, ha prodotto nel tempo importanti risparmi.

«L’acqua è un bene prezioso – conclude il presidente Netti – non a caso la chiamano l’oro blu, per questo va tutelato in ogni modo. Noi facciamo di tutto per preservarlo e difenderlo, invitiamo i nostri utenti a darci una mano segnalando eventuali perdite visibili lungo le condotte, contattando il personale dell’ente al numero 0721 478291 oppure 31002».

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi