Ripulita e messa in sicurezza Fossa S Stefano, tra Gradara e Tavullia. Importante intervento del Consorzio lungo oltre 1500 metri di corso d’acqua

Ripulita e messa in sicurezza Fossa S Stefano, tra Gradara e Tavullia. Importante intervento del Consorzio lungo oltre 1500 metri di corso d’acqua

Un altro importante intervento del Consorzio di Bonifica per ripulire e mettere in sicurezza i fossi della Regione Marche. Prima del fermo dei lavori imposto per tutelare la nidificazione dell’avifauna, il Consorzio ha dato risposta ai problemi legati alla Fossa di Santo Stefano, che corre per buona parte al confine tra i comuni di Tavullia e Gradara, in zona agricola.
“Il fosso si presentava per buona parte occluso da sedimenti terrosi e vegetazione a canna domestica – spiega l’agronoma dell’ente di bonifica, Francesca Pierini -.  Il Consorzio, attraverso l’azienda agricola Giuliani Matteo, ne ha ripristinato la sezione per oltre 1500 metri di lunghezza, grazie a lavori di trinciatura ed escavazione, riportando la funzionalità idraulica e riducendo l’incidenza dei ristagni idrici dei terreni agricoli limitrofi. In fase di cantiere, è stato anche necessario richiedere il sopralluogo della Snam, per verificare il posizionamento del metanodotto che corre limitrofo al fosso, ma tutto si è svolto regolarmente, in estrema sicurezza”.
Ora i lavori sono fermi per il rispetto delle norme di tutela della nidificazione dell’avifauna, ma il Call center del Consorzio è comunque attivo per raccogliere le segnalazioni e al più presto riprenderanno i sopralluoghi dei tecnici.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi